Emergenza Buoni Pasto, commissioni alle stelle: “Così il sistema rischia di saltare”

I buoni pasto potrebbero non essere più buoni al via una campagna di sensibilizzazione sui clienti

A rimetterci sono tutte le attività commerciali che accettano i buoni pasto, oltre ai dipendenti pubblici e privati che pranzano grazie a questo sistema. Quella dei buoni pasto è una vera e propria emergenza a livello nazionale, che non risparmia bar, ristoranti e supermercati di Pisa e provincia.

Nell’occhio del ciclone ci sono le commissioni che i commercianti sono costretti a pagare su ogni singolo buono pasto. Dall’inizio dell’anno, in seguito alla nuova gara bandita da Consip per la fornitura del servizio alla pubblica amministrazione, la percentuale delle commissioni sono più che triplicate, schizzando dal 6% al 19,75% per le attività di Pisa e provincia, e che in alcuni casi in Italia arrivano a superare il 20%. A Pisa l’allarme è partito da alcune attività commerciali della zona della Sapienza, che hanno notato subito le conseguenze dell’aumento, considerati i tanti dipendenti d…

PRESENTATO IL DECALOGO ELETTORALE DI " PISA NEL CUORE "

“Grande affluenza di cittadini, sabato 16, al nostro banchetto in largo Ciro Menotti” ci fa sapere soddisfatto Raffaele Latrofa, capogruppo di Pisa nel Cuore, che continua come un fiume in piena: “I Pisani non ne possono più degli amministratori che hanno avuto negli ultimi anni. Hanno visto la loro città andare a picco, hanno visto fare grandi spese inutili e dannose come quella del People Mover, hanno visto le scuole dei loro bambini allo sbando, hanno visto le strade diventare insicure. Questo sono venuti a dirci, incoraggiandoci a continuare la nostra battaglia. Hanno capito che Pisa nel Cuore è una lista civica di cittadini pronti a occuparsi di Pisa, concentrando le loro forze e le loro capacità su sicurezza, turismo, cultura, e al tempo stesso combattendo degrado, incuria e cattiva amministrazione. Volentieri hanno compilato il questionario che distribuivamo, dando pareri e suggerimenti su quello che non va ora e come vorrebbero la città in futuro!”.

Latrofa insiste sui molti cittadini che chiedevano informazioni sulle elezioni amministrative del 2018, ormai vicine. A loro Pisa nel Cuore ha risposto che si opporrà al potere del PD, proponendosi come alternativa credibile e radicale al governo attuale, con un programma elettorale costituito da un decalogo, stilato in questi anni, che oggi è stato presentato ai cittadini. Al primo posto c’è la sicurezza. Seguono decoro urbano, manutenzioni, macchina comunale più agile e funzionale, turismo, energie e bandi europei, sport e cultura, ascolto del cittadino, mobilità, tax point per aiutare i Pisani a districarsi nelle pratiche burocratiche.

Commenti