Emergenza Buoni Pasto, commissioni alle stelle: “Così il sistema rischia di saltare”

I buoni pasto potrebbero non essere più buoni al via una campagna di sensibilizzazione sui clienti

A rimetterci sono tutte le attività commerciali che accettano i buoni pasto, oltre ai dipendenti pubblici e privati che pranzano grazie a questo sistema. Quella dei buoni pasto è una vera e propria emergenza a livello nazionale, che non risparmia bar, ristoranti e supermercati di Pisa e provincia.

Nell’occhio del ciclone ci sono le commissioni che i commercianti sono costretti a pagare su ogni singolo buono pasto. Dall’inizio dell’anno, in seguito alla nuova gara bandita da Consip per la fornitura del servizio alla pubblica amministrazione, la percentuale delle commissioni sono più che triplicate, schizzando dal 6% al 19,75% per le attività di Pisa e provincia, e che in alcuni casi in Italia arrivano a superare il 20%. A Pisa l’allarme è partito da alcune attività commerciali della zona della Sapienza, che hanno notato subito le conseguenze dell’aumento, considerati i tanti dipendenti d…

QUESTION TIME SUL CAOS DEL TRAFFICO AL PONTE DELLA VITTORIA

“Per essere vicini ai cittadini imbottigliati in code immense e per chiedere le dimissioni dell’assessore Forte, noi di Pisa nel Cuore venerdì scorso eravamo a protestare nelle vicinanze del Ponte della Vittoria. Dopo il nostro atto dimostrativo, abbiamo anche deciso di protocollare un Question Time, da discutere nel primo consiglio comunale” ci fa sapere il capogruppo Raffaele Latrofa, il quale tuona: “ I lavori da poco eseguiti su quel ponte, ovvero l’abbozzo di pista ciclabile, sono costati denaro cittadino e disagi notevoli: il traffico in zona si è infatti fortemente congestionato, creando problemi immensi in città. Chiedo pertanto al Sindaco se intende ripristinare la situazione antecedente ai lavori, tanto da poter tornare al traffico normale.”
RAFFAELE LATROFA
CONSIGLIERE COMUNALE
GRUPPO " PISA NEL CUORE "

Commenti